quotidiano siciliano.jpeg
quotidiano siciliano.jpeg

facebook
instagram
twitter

QUOTIDIANO SICILIANO | G4C SRL P.IVA 05596710870
Testata giornalistica in attesa di registrazione presso il tribunale di Catania

 

 

Le ultime Notizie

[2023-07-05 15:15] Lions di aci castello per inclusione e solidarieta’ Redazione [2023-06-12 15:46] Finse sequestro dopo omicidio figlia: al via il processo per Martina Patti Redazione [2023-06-12 15:37] Omicidio Debora Pagano: convivente rinviato a giudizio Redazione [2023-06-08 10:30] Mafia: 6 milioni confiscati a imprenditore trapanese Redazione [2023-06-06 19:36] Morta da 10 anni ma la badante incassa la pensione Redazione [2023-06-06 19:24] Ficarra e Picone: al via riprese per nuovo film a Catania Redazione

Stato-mafia: Cassazione "blinda" le assoluzioni per Mori, Subranni, De Donno e Dell'Utri

2023-04-28 11:31

Redazione

Cronaca, Attualità, cassazione, stato mafia, mario mori, subranni, de donno,

Stato-mafia: Cassazione "blinda" le assoluzioni per Mori, Subranni, De Donno e Dell'Utri

Demolito l'impianto accusatorio dell'inchiesta

 

 

 

Stato-mafia: Cassazione "blinda" le assoluzioni per Mori, Subranni, De Donno e Dell'Utri

 

 

 

Roma – I giudici della Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione hanno confermato l'assoluzione per gli ex investigatori del Ros, per l'ex parlamentare Marcello Dell'Utri e riconosciuto la prescrizione per il boss Leoluca Bagarella e per il medico Antonino Cinà, ritenuto vicino a Totò Riina. Sgretolato, dunque, dalla Suprema Corte l'impianto accusatorio dell'indagine sulla presunta trattativa Stato-Mafia.

 

Al termine della camera di consiglio, le Toghe hanno annullato la sentenza di appello senza rinvio, con la formula “per non avere commesso il fatto”, per quanto riguarda il generale dell'Arma Mario Mori e per gli ufficiali dei carabinieri Antonio Subranni e Giuseppe De Donno.

 

Gli ermellini sono quindi andati oltre quanto già deciso dai giudici di secondo grado di Palermo perché nel fare cadere le accuse hanno utilizzato una formula più ampia.

 

Per le posizioni di Bagarella e Cinà, condannati in secondo grado rispettivamente a 27 anni e 12 anni, i giudici del Palazzaccio hanno riqualificato i reati di violenza e minaccia ad un corpo politico dello Stato nella forma del tentativo: con la riqualificazione la fattispecie è andata, quindi, in prescrizione.

 

I supremi giudici erano chiamati a decidere sul ricorso presentato dalla Procura generale del capoluogo siciliano dopo la sentenza del 23 settembre 2021 che ribaltò il verdetto assolvendo la gran parte degli imputati condannati in primo grado. In primo grado Mori e Subranni furono condannati a 12 anni mentre Giuseppe De Donno ad 8 anni.

giurisdizione-giustizia-signora-giustizia.jpeg
JLC ITALIASOS SARTORIA RAPIDAALESSANDRO ABRAMODIPARTIMENTO SCUOLASOS SARTORIA

Per La Tua pubblicità

Utilizza questo spazio per raccontare di Te. 

Rimani aggiornato

Iscriviti alla newsletter!